You have overcome.
You are purified.
BUT YOUR HEART WILL STILL HOWL.

Italiano sotto ↓

no dawn for men
No Dawn for Men

First thing first: we don’t believe the descriptor female fronted (genre) metal or any other descriptor centered around the sex(es) of the bodies on stage or in the recording room to be a good descriptor. The first reason is undoubtedly connected to its perpetuating and reinforcing the idea that metal, and especially extreme metal, is somehow a male playground, and therefore the presence of female bodies is framed, either, as a curiosity or as the object of fetishization. It doesn’t normalize something which shouldn’t be in need of normalization, but reiterates the idea that female bodies are, somehow, the exception. The second reason, way less important, lies in it simply not being a good category: it clusters together a diverse and multifarious set of sounds, aesthetics and approaches into a subgenre which is, ultimately, non-descriptive and, therefore, useless.
After this clarification, here we are with the first Feminazgûl ‘s full length, No dawn for men, out in March 2020. I didn’t know I needed some theremin in my black metal, kind offering from Meredith Yayanos, who also plays the fiddle on the record. Her instruments accompany Laura Beach’s screams and shrieks, while Margaret Killjoy, already a known author, plays everything else: drums, guitar, accordion, piano, synths and, well, a fairly metal axe.
Already from the listed instrumentation, it is better not to expect your run-of-the-mill black metal record.

Atmosphere is prominent and a constant fil rouge, a debt to the “Appalachian” sound and aesthetics, and it is set on by the first track and its intro, Illa, Mother of Death.A beautiful evocation to the Goddess, lead for the greatest part by a mournful accordion, with the power to take you already somewhere else, in a place of melancholy but not resignation, and promising, with its mid-paced sections, a burst of fury. The latter comes with the following track, I Pity the Immortal, a curse spitted in the Gods’ faces and their immortalities, their impossibility to rot, screamed loud, if not extremely fast. Then, voices, voices everywhere: a chorus, droning guitar, vocalizations, pounding drums. The Rot in the Field is Holy works with the atmosphere already set, and, listening to it after reading its life-affirming lyrics, one would find themselves observing a fertility ritual, as someone who stumbled in an unknown village for the Equinox where the necessary cycles of death and decay and life and birth are acknowledged and honored by a violin player. Bury the Antlers with the Stag is screamed right away: a more “traditionally” sounding black metal track with some blast beat here and there, and offering an epic breath, openness and width where the violin and the piano call each other. Some sparse piano notes on a droning, loud wall of guitar sound open and sustain Forgiver, I am not yours, accompanying Beach’s slow, thoughtful grasps for the whole song duration. It is one of the most interesting tracks on the record, especially if you cut your teeth a bit with some drone and noise. The lyrics are a short, poetic declaration of rage and hate; a refusal of “graciousness”, a mournful war cry, an oath of vindictiveness and revenge. The noise/drone/ambient experimentation continues with the following track, Look not to Erebor,which, again, proves that the somehow alien, weird and not usually heard sound of a theremin can do miracles in terms of ambiance and atmosphere, and that Tolkien’s work is not only for the usual nazi neckbeard wanking at the sheer thought of the purity of some imagined lineage. It would represent a perfect outro, if the band didn’t decide to re-record two songs from their previous work, not simply re-making them but rendering them coherent with the whole which preceded. With its ten minutes mark, To the Throat allows for nice variations and it act as a beautiful blend of the tracks coming before: a blend of atmosphere, pounding drums, a really intelligent use of piano and synth, screams declaring the age of men finally over. If you loved it in its previous incarnation, this mid-paced, and nonetheless the more furious and emotional song will definitely prove another great listen. The full length is then closed by In the Shadows of Dead Gods, straight from the 2018 EP as well and, as the previous track, re-created, now that Killjoy can count on the collaboration of others. If every song had something unique and specific to it in song-writing, this final offering wraps it up perfectly, and the listener is left with the echoes of drums and a final scream. To the rage has been given voice, but is nowhere near said and done, and while the listener comes back to their world, a perception of this work as a cohesive one, from which is impossible to extract some highlight, lingers. It is definitely a record thought as a whole, and as such is better experienced and enjoyed.
The themes of the songs have been exposed already by the incursions into Feminazgûl’s lyricism and lyrical themes. They are outspoken antifascist and, what is more, outspokenly feminist, something which have ruffled already some feathers. About the latter, we (and, I believe, Feminazgûl) don’t really give a shit; the hate they receive speaks loudly about how much Feminazgûl’s proposal is deeply needed, welcomed and definitely worthy everyone’s support.

For now the full length is up their Bandcamp with a “pay-as-you-want” policy: a choice made by Feminazgûl to meet the difficulties of working people generated by the ongoing global crisis.As Semirutarum Urbium Cadavera we are going to produce a limited edition tape labelled “SCadavera Records” and distributed wherever we can. Keep in touch for updates!

Support this fierce and combative band and their mournful, hopeful, enraged offering; we believe this should be only the opening album of, at least a three act saga 😉

Check out “No Dawn for Men” on Bandcamp


no dawn for men
No Dawn for Men

A titolo di incipit: noi a Semirutarum non crediamo che il descrittore female fronted (genere di metal a scelta), o qualsiasi altra definizione basata sul sesso apparente dei corpi sul palco o nella sala di registrazione, sia una categoria utile. In primis, poiché tale descrittore rinforza e riproduce l’idea che il metal, in special modo il metal estremo, sia un parco giochi per soli “maschi”, cosicché la presenza di corpi femminili viene significata come una curiosità o oggetto di feticizzazione. Non normalizza qualcosa che non dovrebbe richiedere normalizzazione, anzi; reitera l’idea che i corpi femminili nel metal siano un’eccezione. Secondariamente, sia per contenuto che per forma, tale descrittore, semplicemente, non è una categoria utile: accomuna espressioni sonore ed estetiche differenti, a volte antitetiche, fino a divenire non-definitorio e, in ultima analisi, inutile.

E dunque eccoci qui con il primo full lenght da Feminazgûl, No Dawn For Men, uscito (indipendente) a Marzo 2020. Non avevo idea di aver bisogno del theremin nel mio black metal, gentile offerta di Meredith Yayanos, che offre anche il suo violino per l’album. I suoi strumenti accompagnano le urla e le grida di Laura Beach, mentre Margaret Killjoy suona tutto il resto: batteria, chitarre, fisarmonica, pianoforte, synths e, per tenere alto il coefficiente metal, un’ascia da guerra. Già da questa strumentazione, è bene non aspettarsi un album black metal “classico” od ordinario.

Atmosfera è il filo rosso che dà constante coerenza all’opera (un debito verso un suono ed un’estetica dagli Appalachi) e, come tale fil rouge, è già ben presente nella prima traccia, Ila, Mother of Death. Una splendida evocazione alla Dea, che prende corpo grazie ad una fisarmonica piena di sentimento, e con il potere di trasportare l’ascoltatore/ascoltatrice altrove, in un luogo di malinconia ma senza rassegnazione, e che promette, con le sue velocità contenute, una prossima sfuriata. Lo sfogo a questa furia giunge con la seconda traccia, I Pity the Immortal: una maledizione sputata in faccia agli Dei ed alla loro immortalità, urlata in faccia alla loro impossibilità di marcire. Poi, un coro di voci dal nulla, una chitarra che vira verso il drone, una batteria tiratissima: The Rot in the Field is Holy, terza traccia dell’LP, lavora con l’atmosfera già stabilita dalle tracce precedenti. Nell’ascoltarla, e nel leggere il suo testo “vitalistico”, ci si ritrova ad osservare e percepire con i sensi un rituale di fertilità, come se fossimo capitat per caso in un villaggio sconosciuto il giorno dell’Equinozio, quando un violino onora il necessario ciclo di morte e rinascita. Bury the Antlers with the Stag ha, con le sue grida ed i suoi blast beats, un suono più tradizionalmente black metal, senza, comunque, virare troppo lontana dall’atmosfera e mantenendo un afflato epico, dove i suoni del pianoforte e del violino sembrano chiamarsi l’un l’altro. Il pianoforte, con alcune note sparse e ripetute, suonate su un muro di suono di chitarra, apre e sostiene Forgiver, I am not yours, mentre accompagnano la voce che, da grida, si è mutata in un rantolo lento, quasi meditativo. Per coloro che hanno un qualche vicinanza al drone o al noise, questa traccia apparirà estremamente interessante. Il testo, breve e poetico, è una dichiarazione di ira e odio; un rifiuto di grazia e benevolenza imposte, un lamento di guerra e, infine, una promessa di vendetta. L’aspetto più “sperimentale” della formula offerta dalla band, giocato su un incontro di sonorità noise e drone, continua con la traccia successiva, Look not to Erebor, la quale prova che il suono vagamente alieno e “raro” di un theremin possa davvero fare miracoli in termini di atmosfera ed immaginario donati dalla musica, e che temi di natura tolkeniana non sono destinati ad essere utilizzati solo dal tipico fan dell’NSBM che si masturba all’idea della purezza di un lignaggio immaginario. Questa traccia potrebbe essere stata un ottimo finale, ma la band ha deciso di registrare nuovamente due canzoni dal primo EP, rendendole però “coerenti” con i minuti che le hanno precedute e, di conseguenza, con l’album intero. Con la sua durata di dieci minuti, To the Throat rappresenta un’ottima summa dell’album e dello stile della band: un’alchimia di atmosfera, batteria martellante, un utilizzo molto sapiente di pianoforte e synth e grida che dichiarano “l’età dell’uomo” finalmente conclusa. Se era già una canzone di ottima fattura nell’EP, in questa nuova incarnazione si rivelerà un ascolto assolutamente fantastico, con il suo tono emozionale ma furioso e la sua velocità sostenuta ma non caotica. Il full lenght è chiuso da In the Shadows of Dead Gods, anch’essa, come la precedente, già presente nell’EP del 2018 e ricreata e riarrangiata, adesso che Killjoy può contare sulla collaborazione di altre musiciste. Quella di chiudere il tutto con questa traccia è una scelta assolutamente felice: il suono riassume tutti i filoni che hanno accompagnato l’ascolto, il quale si conclude con gli echi di batteria ed un grido finale. La rabbia si è incarnata e ad essa è stata data voce; ma non è finita, non si è esaurita (e come mai potrebbe?), e mentre chi ascolta torna nel suo mondo, rimane la percezione di un’opera che è più della somma delle sue parti. Come tale, è un album che brilla in un ascolto attento ed unitario, e si ha la percezione come tale sia stato pensato.
I temi delle canzoni sono stati suggeriti da qualche incursione nelle scelte liriche e testuali delle Feminazgûl. Band dichiaratamente antifascista ed esplicitamente femminista, caratteristica, l’ultima, che sembra non piacere (eufemisticamente) a qualche recensore di musica estrema, e che ha guadagnato loro odio (ovviamente via etere). Riguardo a ciò, a noi di Semirutarum (e, credo, alle Feminazgûl) non importa assolutamente nulla: questo odio codardo reitera la necessità di una simile proposta musicale, politica e filosofica, la quale è ben degna di supporto.
Per adesso il full lenght è sulla pagina Bandcamp delle Feminazgûl, offerto al prezzo che si preferisce: una scelta, questa, per venire incontro alle esigenze delle working classes ed alle problematiche generate dalla crisi globale in cui stiamo vivendo.

Come Semirutarum Urbium Cadavera, siamo in procinto di produrre una serie limitata di cassette con la label “SCadavera Records”, che distribuiremo dove possibile. Keep in touch!

Ed ora andate e supportate questo gruppo fiero e combattivo e la loro proposta ad un tempo piangente e piena di speranza, furiosa ed introspettiva; pare che No Dawn for Men sia solo il primo capitolo di quella che dovrebbe essere almeno una trilogia 😉

 

“No Dawn for Men” su Bandcamp